Gioco d'azzardo, dibattito pubblico ad Istrana promosso dai circoli Pd della zona

21 novembre 2015

Il gioco d’azzardo, sempre più diffuso anche nella Marca, tanto che i sindaci di alcuni Comuni hanno firmato delle ordinanze per limitare orari di apertura e vietare la presenza di sale gioco in vicinanza di luoghi sensibili come le scuole, sarà il tema dell’incontro promosso lunedì 23 novembre dai circoli Pd di Istrana, Morgano, Paese, Quinto e Zero Branco.

Per fare il punto sulle normative e sulle iniziative adottate in Parlamento, al dibattito (inizio ore 20.45 preso Ca’ Celsi di Istrana) è stato invitato anche Lorenzo Basso, coordinatore dell’Intergruppo parlamentare sul gioco d’azzardo. Basso, genovese, è stato tra i primi ad impegnarsi attivamente su questa problematica sia come amministratore locale, che come consigliere regionale del Pd. Non è un caso se la Liguria è stata la prima Regione ad occuparsi dell’azzardo e Genova la prima città metropolitana che si è data un regolamento. Con lui interverranno anche Simonetta Rubinato, membro Commissione Bilancio della Camera (“Dove vanno a finire gli introiti fiscali del gioco d’azzardo?”), don Gigi Telatin, già responsabile di Libera (“Qual è il rapporto fra gioco d’azzardo e criminalità in Veneto?”), Manuele Bozzetto, formatore Serd Usl 3 (“La ludopatia è solo un neologismo o è un problema?”). Sarà il sindaco di Istrana, Enzo Fiorin, ad illustrare la situazione in questa area della Marca e a parlare dei regolamenti attualmente in vigore.

Il confronto sarà concluso dalla segretaria provinciale del Pd trevigiano, Lorena Andreetta.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF 


pubblicata il 21 novembre 2015

<<
<
 ... 839840841842843844845846847 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico