Progetto “Via del Mare” il Pd pensa a un'alternativa - La Nuova Venezia

16 dicembre 2015

Pagina 35, Cronaca

JESOLO Progetto Via del Mare, le alternative ci sono. Interviene Simonetta Rubinato, la parlamentare del Pd che l’estate 2014 aveva affrontato la questione del project financing poi esaminata dal presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone. «Gli esponenti del Pd», spiega, «non sono così sciocchi da non sapere che esiste anche un problema di collegamento verso le località di mare, in particolare Jesolo. Discutiamo invece sul come. Perché sul project financing, presentato da un gruppo di imprese guidato da Adria Infrastrutture, finita nel 2013 nel mirino della Procura di Venezia, esistono dubbi sull’interesse pubblico e sulla sostenibilità economico-finanziaria, tanto che il neo assessore regionale De Berti nelle scorse settimane è intervenuto annunciando un riesame del progetto insieme a quello della Nogara Mare. La Via del Mare, così come progettata dal privato, non è neppure adeguata al problema della congestione a Jesolo all’altezza della Frova. Quello che chiediamo è che venga rivalutato in sede regionale anche lo studio di fattibilità, approvato in conferenza di servizi nel febbraio 2011, che dimostra, sul tratto da Treviso a Meolo, come sia possibile mettere in sicurezza e adeguare la strada esistente a 2+2 corsie per step successivi a un costo inferiore del progetto privato». Il capo gruppo di maggioranza a Jesolo, Alessandro Perazzolo, è di tutt’altro avviso: «Non possiamo perdere questa occasione, il progetto è essenziale per il territorio». (g.ca.)

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


pubblicata il 16 dicembre 2015

<<
<
 ... 828829830831832833834835836 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico