Fronte comune con i parlamentari: I risparmi ottenuti rimangano qui - Il Gazzettino

26 luglio 2016

Pagina XII, Cronaca Mestre

Erano diciassette i parlamentari veneti che ieri mattina hanno ricevuto lo staff dirigenziale della Camera di commercio del Delta lagunare di Venezia e Rovigo. Un incontro centrato sul decreto legge allo studio che prevede la riforma delle Camere di Commercio. «Tutti han capito che questi enti devono continuare ad esistere - ha commentato il presidente della Camera di commercio Giuseppe Fedalto - Quello di cui, purtroppo, ci siamo resi conto è che tutti conoscono molto poco della nostra attività e dei nostri servizi». La partita che Fedalto ha chiesto di vincere ai parlamentari è che i risparmi ottenuti grazie all'accorpamento non finiscano a Roma ma rimangano nel territorio per finanziare programmi di sostegno alle imprese, si parla di 1 milione 100mila euro «Sono fermamente convinto dell'importanza del ruolo delle Camere di Commercio riformate. Ma dobbiamo inquadrare la loro posizione all'interno di due correnti di pensiero. Il percorso non è facile, ma bisogna intraprenderlo prevedendo una capacità di selezione degli obiettivi di medio e lungo termine, fondamentale per definire la forza di questo ente» ha detto il sottosegretario all'economia e finanze Pierpaolo Baretta all'uscita dall'incontro. Un ordine del giorno a supporto della richiesta delle camera di Commercio è stato presentato anche da Simonetta Rubinato (Pd): la proposta avrebbe benefici immediati per il Veneto, visto che le Camere di Commercio «Delta Lagunare» di Venezia-Rovigo e di Treviso-Belluno hanno concluso, tra le prime in Italia, il processo di accorpamento volontario. (r.ros.)

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


pubblicata il 26 luglio 2016

<<
<
 ... 627628629630631632633634635 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico