Interrogazione al ministro Alfano “Non deve passare sotto silenzio” - Il Gazzettino

25 novembre 2016

Pagina XXI, Cronaca

VITTORIO VENETO - (FFi) Si parlerà alla Camera dell'attentato incendiario al municipio di Vittorio Veneto, con una interrogazione presentata al ministro Angelino Alfano dall'onorevole Simonetta Rubinato, firmata anche dai colleghi Gero Grassi e Floriana Casellato. «I cittadini vittoriesi, oggi allarmati, devono sentire forte la presenza dello Stato ha detto Rubinato - Il vile e violento atto perpetrato contro il municipio di Vittorio Veneto, con cui ignoti hanno voluto rovinare il clima di festa di compleanno per i 150 anni di una città cara a tutti noi, non va sottovalutato e deve trovarci tutti uniti nella condanna. Ho concordato con il sindaco Roberto Tonon, al quale ho espresso la mia solidarietà, che fosse opportuno, di fronte alla gravità di un gesto che ferisce e inquieta la comunità, richiamare l'attenzione del Viminale». Per la parlamentare non va sottovalutato il fatto e neppure le tensioni registrate al Ceis di Serravalle per l'allontanamento di tre richiedenti asilo cui era stata revocata, con provvedimento prefettizio, l'accoglienza.La solidarietà all'amministrazione comunale è arrivata anche dalla senatrice Patrizia Bisinella di Fare! secondo cui non si può assolutamente giustificare qualsiasi atto di violenza. Nello specifico. «Un atto inquietante e da condannare - ha detto e ora la speranza è che i responsabili vengano rintracciati e soprattutto puniti in modo esemplare. Quanto avvenuto crea preoccupazione anche perché le piste seguite dagli inquirenti sono diverse e quindi si fatica ad adottare un'azione che possa efficacemente individuare e contrastare il clima d'odio che l'ha causato».L'auspicio che i responsabili siano identificati al più presto arriva anche da Giacomo Vendrame, segretario generale Cgil Treviso: «Questi atti eversivi vili e deprecabili minano la serenità della comunità vittoriese e trevigiana tutta, e offendono le nostre Istituzioni democratiche. Non possiamo che esprimere la nostra ferma e risoluta condanna per quanto avvenuto. Chiediamo che tutte le Istituzioni locali di ogni bandiera si stringano attorno al senso civico e di unità che da sempre contraddistingue il nostro territorio».

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


pubblicata il 25 novembre 2016

<<
<
 ... 515516517518519520521522523 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico