Asili paritari, il Governo intervenga con un decreto legge per evitare il caro rette

30 dicembre 2017

“Con la collaborazione dello staff del Presidente Gentiloni, cui avevo segnalato il problema, avevamo reperito le risorse per stabilizzare il Fondo a favore delle scuole dell’infanzia paritarie, sulla base di un mio emendamento. Ma poche ore prima della chiusura dei lavori in Commissione sul disegno di legge di Bilancio è stata presa la decisione, nella riunione dei capigruppo di maggioranza con i rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e dell’Economia, di utilizzarli a copertura di un altro intervento ritenuto evidentemente prioritario. Più che un errore, dunque, una scelta politica sbagliata, su cui avevo lanciato l’allarme per tempo. Allarme raccolto solo dal presidente della Fism Veneto, Stefano Cecchin, e dal Patriarca Francesco Moraglia, che ringrazio per aver supportato il mio lavoro. Bene che il sottosegretario Baretta oggi faccia mea culpa e riconosca che bisogna trovare una soluzione strutturale per la specificità delle materne paritarie del Veneto. Intanto però le famiglie dei bambini veneti (e non solo) dovranno fare i conti da gennaio con i rincari delle rette, dai 10 ai 15 euro al mese, altro che bonus bebè. Aspettare l’assestamento del Bilancio non risolve il problema, perché le risorse non sarebbero comunque disponibili prima di settembre. Se davvero il Governo vuole intervenire può farlo approvando un decreto legge, visto che sussistono le ragioni della necessità e dell’urgenza, in quanto usufruiscono di questo servizio oltre 500mila famiglie italiane”. Simonetta Rubinato, parlamentare dem che da anni si batte in particolare durante il passaggio in commissione Bilancio delle manovre finanziarie per assicurare adeguate risorse alle scuole paritarie, interviene nel dibattito che ha preso quota dopo le prese di posizione dei presuli veneti. 

“Pensare che sono trascorsi più di 4 anni – ricorda con rammarico la deputata - da quando nel 2013 avevo avanzato la proposta, al tavolo convocato dall’allora assessore regionale Remo Sernagiotto, di attivare la procedura dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione per chiedere al Governo la competenza primaria nei servizi socio-educativi per l’infanzia. Un anno fa lo avevo riproposto anche al Presidente Zaia e all’assessore Lanzarin. Se ci si fosse mossi allora, oggi il problema sarebbe stato già risolto. Mi auguro quindi che nell’intesa preannunciata tra Regione e Governo al tavolo dell'autonomia, vista la disponibilità espressa sui media dal sottosegretario Baretta, siano definiti con chiarezza condizioni e modalità per il trasferimento alla Regione delle funzioni in materia di servizi socio-educativi per l'infanzia da 0 a 6 anni, individuando già le risorse finanziarie necessarie e ulteriori rispetto a quelle oggi stanziate dallo Stato, sulla base della determinazione del costo standard del servizio, visto che in questo settore è necessario colmare la sperequazione che oggi grava sulle famiglie venete rispetto a quelle che hanno accesso alla scuola dell’infanzia statale”. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF 


pubblicata il 30 dicembre 2017

<<
<
 ... 100101102103104105106107108 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico