Dare certezze ai lavoratori ‘discontinui' del corpo dei Vigili del Fuoco

27 marzo 2012

vigili_fuocoI lavoratori cosiddetti ‘discontinui' rappresentano un concorso stabile all'organizzazione del soccorso pubblico del nostro Paese, costituendo una parte del personale qualificata e indispensabile per il funzionamento dei comandi provinciali di Vigili del fuoco. Ma per effetto delle norme vigenti, in particolare per effetto dell'art. 4 della legge di stabilità 2012, essi ancor oggi si vedono negati alcuni dei diritti economici e contrattuali spettanti ai lavoratori subordinati. Una situazione insostenibile che ha dato il via a numerose cause giudiziarie. Lo scorso 26 gennaio la Camera ha approvato un ordine del giorno con il quale il Governo si è impegnato a predisporre una nuova regolamentazione del servizio del volontariato nel Corpo che distingua nuovamente la figura del discontinuo, che a tutti gli effetti è un lavoratore a tempo determinato, da quella del volontario.

Per sapere quali iniziative il Governo ha già predisposto o intende predisporre a breve per adempiere agli impegni assunti, l'on. Ettore Rosato ha presentato un'interrogazione al ministro dell'Interno, Cancellieri. L'interrogazione, da me sottoscritta, sollecita anche il Governo ad avviare al più presto una procedura per il pagamento mensile e puntuale dei lavoratori discontinui che oggi devono subire anche ritardi nei pagamenti che aggravano la già difficile situazione di lavoratori precari.

 

mimetype LEGGI IL TESTO DELL'INTERROGAZIONE 


pubblicata il 27 marzo 2012

<<
<
 ... 843844845846847848849850851 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico