Architettura: puntare su concorsi e progetti di qualità

03 agosto 2011

Un mercato vero, fatto di concorrenza e attenzione alla qualità dei progetti. Ma soprattutto più mercato per i professionisti, con l’obiettivo di innovare e innalzare la qualità delle realizzazioni, facendo largo a giovani e piccoli studi, puntando su concorsi e gare trasparenti. E’ la formula che guida la proposta di legge, presentata dal collega Ermete Realacci assieme ai deputati Fabio Rampelli e Pierluigi Mantini, alla quale ho dato la mia adesione.
 
La proposta di legge prevede che le amministrazioni locali siano tenute a vagliare attraverso un concorso di idee o di progettazione il miglior progetto di un’opera pubblica, piccola o grande che sia. Applicando così anche in Italia il modello francese inaugurato negli anni ’70 con il Beaubourg e in Italia perseguito con successo dalla Provincia di Bolzano. I concorsi, insomma, non solo per realizzare musei e biblioteche con gare-evento, ma strumento ordinario per creare scuole, piazze, parchi all’interno di un mercato trasparente, aperto ai giovani e capace di assicurare il consenso e la qualità degli spazi pubblici.
 
 
mimetype SCARICA IL TESTO DEL PROGETTO DI LEGGE
 
mimetype LEGGI IL DOSSIER SUL PROGETTO DI LEGGE REALIZZATO DA 'IL SOLE 24 ORE'

pubblicata il 03 agosto 2011

ritorna
 
  Invia ad un amico