Marmolada: per difendere i confini servono altre strategie. Impariamo dai Trentini

22 settembre 2018

Bene convocare la seduta straordinaria del consiglio regionale sulla Marmolada per rendere omaggio ai caduti della Grande Guerra, ma per difendere l’integrità territoriale del Veneto sono altre le strade da perseguire. E tra tutte questa mi sembra la meno indicata, perché rischia soltanto di alimentare un’inutile divisione tra le forze politiche che indebolisce ancora una volta il Veneto e rafforza l’unità dei trentini. 

Chi governa il Veneto ha la responsabilità di difenderne l’integrità territoriale. Non averlo fatto un anno fa nel caso di Sappada, nonostante le sollecitazioni del Presidente della Provincia di Belluno, di alcuni ex sindaci e numerosi sappadini, avendo Zaia deciso di non impugnare davanti alla Corte Costituzionale la legge che ne ha sancito il passaggio al Friuli Venezia Giulia, è stato un segno di debolezza politica di cui altri ora hanno pensato di approfittare per chiudere a proprio favore una vertenza che dura da oltre 40 anni. Eppure sarebbe bastato dare attuazione all’accordo del 2002 tra Galan e Dellai, mentre ora il rischio è di perdere definitivamente anche questa partita.


pubblicata il 22 settembre 2018

 
<
123456789 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico