Scuola veneta dilapidata dal Governo

02 agosto 2011

"I tagli degli organici stanno mettendo a rischio i livelli educativi che fanno della scuola pubblica veneta un modello di qualità. Tanto che per il prossimo anno scolastico sarà difficile garantire il tempo prolungato anche in realtà, come quella trevigiana, dove esso era consolidato da anni. Per questo è necessario che il ministro Gelmini autorizzi almeno altre 8 nuove sezioni, con ulteriori 16 posti, per la scuola dell'infanzia e l'aggiunta di almeno 70 posti complessivi per gli altri ordini e gradi. Perché senza un adeguamento degli organici le nostre famiglie dovranno fare i conti con la riduzione del numero delle classi, il sovraffollamento delle stesse, in violazione delle norme sul tetto stabilito di alunni per classe e di quelle sulla sicurezza e sull'edilizia scolastica". A chiederlo sono i deputati veneti del Pd, capeggiati da Simonetta Rubinato, con un'interpellanza urgente depositata oggi alla Camera (clicca qui).

"Il Veneto, per ammissione della stessa assessore regionale Elena Donazzan, è considerato da questo Governo periferia dell'impero - spiega l'on. Rubinato - con un organico inadeguato, un dirigente regionale a scavalco e tre dirigenti provinciali ad interim in altre province. Se alla grave emergenza della scuola pubblica si aggiunge il rischio chiusura di molte scuole d'infanzia paritarie, a causa dei tagli e dei ritardi nell'erogazione dei contributi regionali e statali, il quadro si fa davvero drammatico".

"Vista l'incapacità della Giunta regionale di far valere a Roma le nostre legittime ragioni, è arrivato il momento che siano i veneti a far sentire direttamente la loro voce - conclude Simonetta Rubinato promotrice dell'interpellanza urgente - perché non possiamo accettare che il nostro patrimonio educativo, che fa del Veneto una specificità unica in Italia, sia dilapidato per i soliti calcoli ragionieristici".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF


pubblicata il 02 agosto 2011

<<
<
 ... 619620621622623624625626627 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico