Edilizia: prevenzione o accanimento?

01 agosto 2012

"La sicurezza negli ambienti di lavoro è una priorità indiscutibile, ma siamo certi che operazioni come quella denominata ‘mattone sicuro', condotta insieme da Carabinieri, Spisal e Direzione provinciale del lavoro, sia un'azione efficace per contrastare gli incidenti o non rischi invece di trasformarsi in un accanimento verso un settore, quello delle costruzioni edili, già in gravissima difficoltà?". Lo chiede l'on. Simonetta Rubinato, deputata del Pd, intervenendo a margine della presentazione dei dati relativi alla campagna di controlli effettuati nella Marca da maggio a luglio scorsi. "Le istituzioni preposte a far rispettare le leggi e ad effettuare i controlli devono svolgere la loro azione in modo efficace - prosegue la parlamentare - ma presentarsi nei cantieri accompagnati dalle forze dell'ordine sa poco di prevenzione e più di criminalizzazione verso lavoratori e imprenditori di un comparto importante per l'economia del nostro territorio già duramente provato dalla crisi".

L'on. Rubinato interpella anche la Regione Veneto perché riveda le direttive previste nel Patto per la sicurezza "perché - spiega - i controlli non possono essere indirizzati soltanto al raggiungimento di obiettivi numerici in alcuni settori, come quello edile e agricolo, tralasciandone altri dove il rischio di infortuni è altrettanto presente".

"Di fronte ad una normativa fin troppo complessa e basata sulla produzione di carte, che invece dovrebbe semplificata - conclude la deputata del Pd - la Pubblica amministrazione deve essere di supporto e affiancamento ad imprenditori e lavoratori, aumentando certo la vigilanza e i controlli, ma anche promuovendo percorsi di formazione che spesso oggi sono fatti più per mantenere le lobbies dei consulenti che non per aumentare la prevenzione".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF 

 

LEGGI L'ARTICOLO "EDILIZIA, UN CANTIERE SU 2 E' FUORILEGGE" - LA TRIBUNA DI TREVISO, 1° AGOSTO 2012 »


pubblicata il 01 agosto 2012

<<
<
 ... 484485486487488489490491492 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico