Comuni: basta sanzioni alla cieca

17 maggio 2010

"E' ormai evidente che il patto di stabilità interno, così come strutturato, non funziona più: perché mentre con una mano si impedisce ai Comuni virtuosi di investire le risorse a sostegno dello sviluppo locale, con l'altra si concedono contributi a pioggia per sanare deficit e disavanzi prodotti da amministrazioni allegre. E il debito pubblico continua a salire". L'on. Simonetta Rubinato (Pd), da tempo in prima linea sui temi della finanza locale, prendendo spunto dalla giornata nazionale di mobilitazione promossa dal Pd per chiedere la revisione del patto di stabilità, invita il Governo a cambiare strategia uscendo dalla logica attuale del Patto di Stabilità, che sanziona un Comune a prescindere da ogni controllo effettivo sul suo bilancio.
"Per rendere meno dura la vita ai Comuni virtuosi e provare ad essere maggiormente efficaci contro i Comuni spreconi - suggerisce la parlamentare trevigiana - introduciamo un controllo effettivo sul bilancio di ciascun Comune per verificare chi ha davvero i conti in regola. Con questi dati alla mano, finalmente si potrebbero applicare le sanzioni soltanto a chi non ha il bilancio a posto e consentire, invece, ai Comuni sani di utilizzare le proprie risorse a sostegno delle famiglie e delle imprese del territorio".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF (138 KB)


pubblicata il 17 maggio 2010

<<
<
 ... 875876877878879880881882883 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico