Rinnovabili: c' chi fa il doppio gioco

14 marzo 2011

"La Lega assomiglia sempre più a Giano bifronte, la divinità dalle facce contrapposte venerata nell'antichità. Quando è in Veneto si schiera al fianco dei produttori del fotovoltaico e solare che protestano contro il blocco agli incentivi, addirittura affermando come ha fatto il senatore Gianpaolo Vallardi che si tratta di un decreto anticostituzionale, quando invece è a Roma si schiera a difesa del provvedimento varato dal Governo. Chi fa il doppio gioco, però, prima o poi viene smascherato". L'on. Simonetta Rubinato commenta così il parere contrario di Pdl e Lega sulla decisione della conferenza capigruppo della Camera che stamane ha deciso di calendarizzare per mercoledì 16 marzo la mozione presentata dal Partito Democratico per impegnare il Governo a modificare le norme sugli incentivi al settore delle fonti rinnovabili di energia.

"A questo punto - spiega la deputata democratica che ha sottoscritto la mozione a prima firma di Dario Franceschini - sorge spontaneo il dubbio che le iniziative di Vallardi e del candidato presidente Muraro siano più degli spot per la campagna elettorale delle Provinciali di Treviso. Perché se la Lega crede davvero in questa battaglia a favore delle imprese del nostro territorio avrebbe dovuto sostenerla anche in conferenza capigruppo esprimendosi a favore della richiesta di discussione della nostra mozione".

"Penso che le imprese ma anche le famiglie che per effetto del decreto presentato dal Governo si trovano ora a dover far fronte al rifiuto delle banche di concedere loro i finanziamenti sapranno valutare - conclude l'on. Rubinato - questo atteggiamento ambiguo della Lega. Gli incentivi alle fonti rinnovabili di energia sono un tema troppo importante per poter essere strumentalizzato elettoralmente".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF (129 KB)


pubblicata il 14 marzo 2011

<<
<
 ... 693694695696697698699700701 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico