Federalismo: il Pd tende la mano alla Lega

15 febbraio 2011

L'on. Simonetta Rubinato, che in occasione del voto in Bicamerale sul federalismo municipale aveva invitato il Pd ad astenersi, plaude alla proposta di patto federalista lanciata oggi da Pier Luigi Bersani sulle colonne de La Padania. "L'iniziativa del segretario nazionale - commenta - va nella direzione anche da me auspicata, perché ribadisce con forza che il Partito Democratico vuole il federalismo, quanto e forse più della Lega. Questo è un messaggio politico importante soprattutto per gli elettori che hanno a cuore un'Italia più giusta e insieme più competitiva, i quali dopo il voto contrario sul decreto per il federalismo municipale potevano essere convinti dalla solita propaganda del centrodestra: Pd uguale partito della conservazione. Non è così e la proposta di Bersani lo dimostra".

La parlamentare veneta si augura ora che "i colleghi deputati leghisti riflettano seriamente sull'offerta del Pd di stringere un patto che porti all'approvazione di un vero federalismo di cui hanno bisogno i nostri Comuni, i cittadini e le imprese e che conduca quanto prima al superamento del criterio della spesa storica che penalizza i nostri Comuni dal tempo dei Decreti Stammati. Soltanto dalle due autentiche forze autonomiste presenti in Parlamento, come dice Bersani, può ripartire il processo riformatore altrimenti destinato a fallire di fronte alle resistenze conservatrici che fino ad oggi hanno impedito qualsiasi cambiamento nel nostro Paese".

"Un primo segnale di disponibilità alla proposta lanciata dal segretario nazionale - conclude l'on. Rubinato - potrebbe venire dal passaggio in aula del decreto sul federalismo municipale. C'è ancora il tempo per migliorare una riforma che, così come oggi è impostata, assomiglia di più ad un decentramento fiscale che ad un vero e proprio federalismo fiscale. Il Pd ha teso la mano, ora tocca alla Lega fare la prossima mossa".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF (141 KB)

 

 

FEDERALISMO: BERSANI A LEGA,FACCIAMO PATTO PER REALIZZARLO SCAMBIO CON PROCESSO BREVE RISCHIA DI SOFFOCARE CAMBIAMENTO

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - 'Impegno me e il mio partito a portare avanti il processo del federalismo dialogando con la Lega. Quali che siano gli sviluppi politici. Guardiamo oltre Berlusconi ma salviamo la prospettiva del cambiamento'. Lo afferma il segretario del Pd Pier Luigi Bersani in una intervista pubblicata oggi da 'La Padania', che ieri ne aveva anticipato alcuni passaggi.
Nel definire il federalismo come 'una riforma storica, epocale per la democrazia italiana', il leader del Pd aggiunge: 'Credo da sempre che, pur da posizioni diverse ed anche alternative, ci siano due vere forze autonomiste nel Paese: il Pd e la Lega. Noi rivendichiamo e vogliamo coltivare, rinnovandola, questa nostra antica tradizione'.
'Noi - sostiene - vediamo con grandissima preoccupazione il fatto che la Lega, vedendo accorciarsi i tempi della legislatura, possa accontentarsi di un federalismo di bandiera.
Dall'altro temiamo che Berlusconi, culturalmente e politicamente del tutto disinteressato al federalismo, ne approfitti per pretendere in cambio il processo breve, cosi' come ha ottenuto il voto sulle 'leggi sulla cricca' e dunque 'passare a nuttata'.
Da questo matrimonio un bambino come il federalismo rischia di rimanere soffocato'.
E allora, per Bersani 'qualsiasi soluzione e' meglio di quanto sta accadendo oggi, anche in previsione di cio' che si prospetta nei prossimi mesi'. Da qui l'invito a 'tutte le forze politiche a considerare questi problemi fornendo una disponibilita' larga'.
'Si puo' essere alternativi su temi cruciali ma noi e voi siamo in grado di dialogare. Siamo popolari, Berlusconi e' solo populista. Il patto che propongo e' questo: tra forze popolari anche alternative vi siano temi su cui ragionare insieme', conclude Bersani.

 

 

 


pubblicata il 15 febbraio 2011

<<
<
 ... 710711712713714715716717718 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico