Sindaci obbligati a fare gli sceriffi

27 gennaio 2011

"In teoria è giusto che vi sia più collaborazione tra gli Uffici Comunali e l'Agenzia delle Entrate, ma il problema è che qui si stanno scaricando sui Comuni le responsabilità delle Amministrazioni Centrali e Regionali. Federalismo è chiarezza di competenze, certezza di risorse, di controlli e di responsabilità, mentre oggi a fronte dell'azzeramento dei fondi per il sociale da parte del Governo e della Regione Veneto si scarica la patata bollente sui Comuni, i quali sono obbligati a fare la parte dello sceriffo di Nottingham, cioè gli esattori, aumentando le tariffe o stanando gli evasori (sfuggiti allo Stato) per incassare una percentuale a copertura dei tagli dei trasferimenti". L'on. Simonetta Rubinato, deputata e sindaco di Roncade, interviene in merito alla proposta lanciata ieri dai rappresentanti sindacali dei pensionati, allarmati dal caro rette nelle case di riposo.

"La lotta all'evasione fiscale va bene - concorda la deputata democratica - ma il ricavato va usato per diminuire le tasse a chi ne paga già troppe o per aumentare i servizi, non per coprire i buchi o i tagli dello Stato e della Regione che continuano a salassare i cittadini. Anche perché i servizi socio-sanitari vanno garantiti subito, mentre la lotta all'evasione fiscale richiede ai Comuni iniziali investimenti in strumenti e personale, con prospettive di remunerazione di lungo periodo, dati i tempi del contenzioso tributario".

"Ai Comuni - conclude amaramente l'on. Rubinato - tocca di fare le nozze con i fichi secchi visto che la riforma federale è per loro come correre "a fari spenti nella notte", ovvero senza sapere se ci saranno le compatibilità finanziarie per sostenerla".

mimetype SCARICA IL COMUNICATO IN PDF (88 KB)


pubblicata il 27 gennaio 2011

<<
<
 ... 724725726727728729730731732 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico