Renzi chiama, Alfano esegue cacciato il prefetto di Treviso - Corriere del Veneto

21 luglio 2015

Pagina 2, Primopiano

VENEZIA Il caso Quinto, con la rivolta popolare scoppiata per la sistemazione di 101 profughi in due condomini, i tafferugli con Forza Nuova e i centri sociali e i relativi cinque arresti, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il prefetto di Treviso, Maria Augusta Marrosu, salta. Dopo la telefonata di venerdì con il sindaco Giovanni Manildo, il premier Matteo Renzi avrebbe chiesto al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, la sostituzione dell’ex ricercatrice del Cnr a causa della sua gestione dell’emergenza profughi. E ieri da Bruxelles, a margine del vertice sull’immigrazione, Alfano ha ufficializzato la decisione: «Dobbiamo mettere in campo sempre più efficienza. Abbiamo avuto dal sistema delle prefetture uno sforzo straordinario, ma alcune cose non hanno funzionato, anche per responsabilità delle Regioni, e come amministrazione dobbiamo dare la prova di fare il massimo sul fronte immigrazione, perciò interverremo. Nel prossimo Consiglio dei ministri sostituirò il prefetto di Treviso». E ancora: «Noi stiamo facendo un grande sforzo di accoglienza nei confronti dei migranti e io mi chiedo, rispetto ad alcuni disguidi verificatisi in alcune realtà del Veneto, quanto saremmo stati agevolati dalla partecipazione e cooperazione delle Regioni e degli altri enti locali». 

Non esattamente una doccia fredda per gli amministratori veneti, consapevoli da un po’ dell’irritazione del Viminale nei confronti della Marrosu, approdata nel capoluogo della Marca nel dicembre 2013. Troppe le «perle infilate» nel giro di pochi mesi: prima i profughi lasciati 24 ore in pullman, poi la scelta di farne dormire alcuni nei giardini pubblici, quindi la riapertura della caserma «Salsa», chiusa nel giro di 48 ore, il «parcheggio» dei rifugiati alla stazione, infine il caso Quinto e il ricorso ad un altro sito militare, la «Serena» di Casier. «Ero al corrente dell’intenzione di Palazzo Chigi — rivela Manildo — era nell’aria. Apprezzo la tempestività del governo, che ancora una volta manifesta la vicinanza al nostro territorio, già dimostrata dalla telefonata del premier, con il quale avevo parlato della situazione dei profughi, non della Marrosu. C’era bisogno di un cambio, ora spero che il nuovo prefetto affronti il tema con maggiore decisione e sappia interpretare il ruolo di necessario coordinamento del territorio. Solo così si potrà trovare una soluzione condivisa, che risolva la questione al meglio». Sulla stessa linea il sindaco di Casier, Miriam Giuriati: «Ringrazio Manildo, che si è speso con Renzi per portarlo a conoscenza della situazione che stiamo affrontando. L’annuncio del ministro Alfano è una notizia che stavamo aspettando». 

«La scelta preannunciata da Alfano va nella giusta direzione per evitare che la situazione a Treviso possa sfuggire di mano — osserva l’onorevole Simonetta Rubinato — preoccupazione che avevo rappresentato nei giorni scorsi a diversi esponenti del governo». 

Nessuna sorpresa nemmeno per l’Anci. Dice la presidente regionale, Maria Rosa Pavanello: «Da maggio, nel corso di diverse riunioni, avevamo captato le perplessità del Viminale sulla gestione dell’emergenza profughi a Treviso e l’opzione di rimuovere il prefetto Marrosu era stata ventilata. Del resto i prefetti non stanno distribuendo i migranti secondo il principio demografico di uno per mille residenti, come stabilito da Roma, per la difficoltà di reperire posti letto. Il risultato sono sistemazioni inaccettabili in luoghi non idonei e assembramenti eccessivi, che hanno fatto saltare la prima testa. Un concetto dev’essere chiaro a tutti — insiste la Pavanello — noi sindaci non siamo agenzie immobiliari e la Marrosu non ha avuto particolare attenzione al problema, ha lasciato che le cose andassero così». C’è poi, secondo l’Anci, un occhio fisso sul Veneto da parte del Viminale, soprattutto dopo le rivolte di piazza di Eraclea e Treviso. Tanto è vero che per giovedì prossimo era prevista la visita del prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento Immigrazione del ministero dell’Interno, atteso a Treviso e a Venezia per incontrare sindaci e prefetti. Anche per la decisione finale sull’hub regionale, individuato nella «Serena», nonostante l’Anci indichi la necessità di attivare due centri di identificazione e smistamento profughi, uno anche in provincia di Padova, per evitare eccessive concentrazioni di migranti in una sola provincia. 

«A questo punto la mia visita è legata a quello che deciderà il ministro Alfano — dice Morcone — ne parlerò con lui nelle prossime ore. Quanto all’hub, il tema rimane: la Regione e i sindaci ci devono dire se lo vogliono e sennò avanzare proposte alternative. Vogliamo procedere di comune accordo con il territorio: se invece di trovare una soluzione condivisa gli amministratori locali continueranno a opporre solo il rifiuto all’accoglienza dei migranti, decideremo noi. La Serena già c’è, faremo un tavolo di confronto con chi governa il territorio per capire come procedere». 

Michela Nicolussi Moro

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


pubblicata il 21 luglio 2015

<<
<
 ... 877878879880881882883884885 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico