Holding autostradale Nordest La dem Rubinato boccia l'idea - Il Giornale di Vicenza

23 gennaio 2016

Pagina 9, Regione

TREVISO Dal Pd parte l'idea - e piace in maniera bipartisan- della grande holding autostradale del Nordest. Ma proprio dal Pd arriva anche la critica e un monito: «Attenzione a non evitare le gare pubbliche». La deputata dem Simonetta Rubinato è scettica sulla proposta lanciata nei giorni scorsi dal suo collega in Parlamento e segretario del Pd del Veneto, Roger De Menech. Quest'ultimo, prendendo spunto dal protocollo d'intesa tra Governo, A22 e Autovie che allunga la concessione a patto che le società diventino interamente pubbliche, propone di «creare una holding che metta insieme tutte le concessionarie in house: Cav, Autovie e A22». Resterebbe esclusa la Bs-Pd il cui pacchetto di maggioranza è in vendita da mesi. Rubinato interviene: «È essenziale che si proceda con le gare pubbliche nell'assegnazione delle concessioni autostradali in scadenza. L'ho ribadito anche al sottosegretario Umberto del Basso de Caro che ha, nei giorni scorsi, risposto alla mia interrogazione in materia di tariffe e razionalizzazione delle autostrade. Invece, ancora una volta, la gara non si fa. Anzi, partendo da questa operazione, esponenti politici veneti prospettano l'ipotesi di una grande holding funzionale all'affidamento in house della gestione della rete autostradale. Serve una razionalizzazione - continua - perché 5 concessionari per 300 chilometri di autostrada sono troppi. Ma serve fare attenzione: l'operazione della holding passa per l'acquisto in proprietà pubblica delle partecipazioni oggi dei privati. Esattamente il contrario di quanto si sta facendo nelle partecipate pubbliche che erogano servizi essenziali come acqua e gas che invece si vogliono privatizzare. Siamo sicuri che sia questa la strada migliore? E dove si troveranno le risorse per l'acquisto? Quale ruolo avrà l'Anas?». Secondo alcuni, infatti, proprio quest'ultima potrebbe giocare un ruolo determinante per l'acquisto del pacchetto di maggioranza di Bs-Pd. Intanto il presidente della A4 Holding, il vicentino Attilio Schneck, sul tema della Valdastico, torna a ribadire: «Al Governo spetta il compito di studiare le interconnessioni autostradali al tavolo del Comitato paritetico». Ed è a quello a cui guardano gli spagnoli di Abertis che possono trattare in modo esclusivo fino a marzo l'acquisto della governance di Bs-Pd, in mano a Banca Intesa San Paolo.

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF


pubblicata il 23 gennaio 2016

<<
<
 ... 780781782783784785786787788 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico