Scuola, sulle paritarie caduto l'ultimo tabų

12 marzo 2015

"Oggi con l'introduzione da parte del Governo della detrazione fiscale per le scuole paritarie fino alle secondarie di primo grado è caduto un tabù. Si è compiuto finalmente un primo passo in avanti per superare lo storico ritardo della scuola italiana in Europa in tema di pluralismo e libertà di educazione". Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati Gian Luigi Gigli ('Per l'Italia-Cd') e Simonetta Rubinato (PD) promotori della lettera-appello al presidente Renzi a favore delle scuole paritarie sottoscritta da 44 deputati della maggioranza.

"Come avevamo auspicato con la nostra lettera al Premier Renzi - sottolineano Gigli e Rubinato - per costruire una scuola di qualità per tutti e per ciascuno è necessario stimolare una positiva competizione tra scuola pubblica statale e non statale, senza rinunciare al valore aggiunto di libertà e di sussidarietà che il sistema delle scuole paritarie porta con se'. Una maggioranza che ha l'ambizione di fare le riforme più urgenti non può mancare l'obiettivo di una scuola più autonoma e libera, vero fondamento dello sviluppo e strumento di realizzazione per tutti. Attendiamo di verificare i limiti della detraibilità, ma possiamo senz'altro dire che insieme alla misura del 5 x mille e allo School bonus per gli investimenti nella scuola, i provvedimenti assunti dal governo costituiscono una oggettiva novità positiva. Lavoreremo in Parlamento per rafforzare il sistema integrato della scuola pubblica e far sì che questa legislatura sia #lavoltabuona per uscire dalla logica dei provvedimenti assistenziali che in passato hanno caratterizzato l'approccio alle scuole paritarie".

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF


pubblicata il 12 marzo 2015

ritorna
 
  Invia ad un amico