Banche venete, allarme fidi: Regione collabori con Governo su mio odg

21 luglio 2017

Lo strumento per garantire continuità alle linee di credito già concesse alle imprese venete c’è. Esso è individuato nell'ordine del giorno presentato dall’on. Simonetta Rubinato, sottoscritto da altri 15 deputati, accolto dal Governo e approvato pressoché all’unanimità dall’Aula della Camera il 13 luglio scorso. “Comprendo le preoccupazioni espresse in questi giorni dalle organizzazioni di categoria per i rischi legati alla possibilità che Intesa possa richiamare o revocare, anche parzialmente, i fidi in essere – spiega la parlamentare democratica – e proprio per questo avevo presentato un emendamento specifico, poi trasformato nell’ordine del giorno. Invito pertanto la Regione Veneto a collaborare con l’Esecutivo Gentiloni per attivare i meccanismi di garanzia e co-garanzia previsti dalle leggi vigenti, in modo che l’eventuale incapienza della garanzia sui finanziamenti concessi a imprese o singoli imprenditori dalle due ex popolari venete possa essere coperta, sia in termini di congruità che di durata, dal Fondo di garanzia “Bersani” di cui alla legge n. 663 del 1996 e dal Fondo regionale del Veneto di Garanzia ex L.R. n. 19/2004”. 

“Sono strumenti che già esistono e che possono evitare contraccolpi al sistema economico del Veneto, senza toccare la sostanza dell’accordo siglato con Banca Intesa, salvaguardano in particolare le piccole e medie imprese, che sono il fulcro del nostro sistema produttivo” conclude Rubinato.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF


pubblicata il 21 luglio 2017

<<
<
 ... 515253545556575859 ... 
>
>>
ritorna
 
  Invia ad un amico