Via del Mare, la legalità viene prima di tutto

28 ottobre 2014

“Al presidente Muraro rispondo che le opere pubbliche sono linfa per i nostri territori quando servono, non quando la Regione sottrae ai cittadini una strada che hanno già pagato con le tasse, facendola diventare a pagamento per 40 anni. Mi sembrava di ricordare che anche Muraro era contro l'ipotesi della TV Mare a pagamento visto che la Provincia di Treviso ha approvato in conferenza dei servizi del 21 febbraio 2011 lo studio di fattibilità, elaborato su incarico del Comune di Roncade dai tecnici di Tepco Srl, studio che dimostra come sia possibile mettere in sicurezza la Treviso Mare per stralci partendo dai nodi più critici ed ad un costo di gran lunga inferiore a quanto previsto dal project financing, mantenendo la strada pubblica. Se la Regione e Veneto Strade avessero seguito questa soluzione, oggi probabilmente si sarebbero già potuti iniziare i lavori”. Lo dice Simonetta Rubinato, parlamentare del Pd che ha portato la questione alla ribalta nazionale domenica scorsa su Report.

In merito alla richiesta di sospensione della gara per l’aggiudicazione della superstrada a pagamento prevista dal project financing presentato da Adria Infrastrutture, la parlamentare del Pd replica quindi a Muraro: “So bene che spetta a Zaia e non a me bloccare l’opera, e infatti lo chiedo a lui, ritenendo che alla luce di quanto emerso dalle indagini sul Mose sulla società Adria Infrastrutture sia necessario verificare se sono state rispettate tutte le condizioni a garanzia della legalità. La lotta alla corruzione è condizione di fondo per lo sviluppo del territorio e per questo bisogna cambiare un sistema di potere ventennale che ha razziato il Veneto”. Il Gip di Venezia ha, infatti, citato Adria Infrastrutture come esempio di  ‘sistema corruttivo diffuso e ramificato, in cui il legame tra corrotti e corruttori era talmente profondo tanto che ogni affidamento di lavori o approvazione di project financing a questa società comportava un utile immediato per tutti i soci occulti'.

“Affermazioni forti – conclude Simonetta Rubinato – che mi stupisco siano ignorate da un amministratore pubblico come Muraro”. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF 


pubblicata il 28 ottobre 2014

ritorna
 
  Invia ad un amico